Stiftung Neue Synagoge Berlin - Centrum Judaicum

Stiftung Neue Synagoge Berlin - Centrum Judaicum

La fondazione "Neue Synagoge Berlin - Centrum Judaicum" presenta la storia della sinagoga e della vita ebraica nella sua mostra permanente.

Neue Synagoge Berlin

© dpa

Costruito nel 1866 (con 3200 posti a sedere), era il più grande luogo di culto ebraico in Germania e un forte simbolo di quanto fosse vitale della sua comunità.
Nel 1933 Berlino contava 160,000 cittadini ebrei ed era considerata il centro dell’ebraismo liberale. La magnifica cupola in stile moresco, visibile anche a grande distanza, le decorazioni dorate a traliccio e i motivi orientaleggianti sulla facciata sono tutti ispirati all’Alhambra di Granada.

Oggi l’edificio ospita mostre e al suo interno sono esposti oggetti ritrovati durante i restauri del 1989 (Torah e rotoli). Oggi rimane un solo locale adibito alla preghiera, senza separazione tra uomini e donne, secondo la pratica dell’ebraismo liberale. La visita guidata consente di oltrepassare la parte restaurata per raggiungere quella che un tempo era il principale salone dedicato al culto. Al di là di una struttura in vetro e metallo che protegge i visitatori dai detriti sono ben visibili i frammenti delle antiche strutture, La planimetria originale è resa evidente da un perimetro tracciato a terra, che dà una chiara idea delle parti andate distrutte.

Fino alla tristemente nota Notte dei cristalli del novembre 1938, quando la sinagoga fu attaccata da bande naziste e gravemente danneggiata, i cittadini di culto ebraico avevano goduto piena eguaglianza nei diritti civili, come sancito anche dalla costituzione prussiana del 1850. La comunità ebraica di Berlino nacque ufficialmente nel 1671, sotto il Grande Elettore Federico Guglielmo (1640-1688) e fiorì durante la Repubblica di Weimar.
A Berlino vivevano e operavano grandi personalità, come Max Reinhard, Arnold Schoenberg, Kurt Weill, Albert Einstein e Max Liebermann, tutti stimati cittadini. L’approccio liberale si tradusse, in termini liturgici, in riti meno rigidi e nell’introduzione di elementi innovativi all’interno della sinagoga, come l’organo, il coro e le celebrazioni in lingua tedesca. Le funzioni religiose furono celebrate qui fino al 1940, quando l’edificio fu requisito. Tre anni più tardi, nel 1943, i bombardamenti lo distrussero quasi del tutto.

Dopo la guerra, i governi della RDT si limitarono a mantenere in piedi la facciata, come monumento alla memoria – e questa è ancora oggi l’unica parte rimasta intatta dell’antico edificio. La parte anteriore fu poi ricostruita negli anni 1988-91 mentre la cupola fu ricostruita nel 1991 ed è oggi visitabile.

Karte

Indirizzo
Oranienburger Str. 28
10117 Berlin
Orario di apertura
Da aprile a settembre: Lun-Ven 10:00-18:00, Dom 10:00-19:00
Da ottobre a marzo: Dom-Gio 10:00-18:00, Ven 10:00-15:00
Telefono
+49 30 880 283 16
Sito Internet
www.centrumjudaicum.de
Prezzo di ingresso
7 Euro, ridotto 4,50 Euro, biglietto famiglia 20 Euro
Deutsches Historisches Museum Berlin
© dpa

Musei a Berlino

Dal busto di Nefertiti a un particolare del Muro, i musei di Berlino - oltre 170 tra musei, collezioni e gallerie d'arte - sono un viaggio attraverso la storia della città e del mondo. più

fonte: Berlin.de / Tobias Droz

| Aktualisierung: 2. agosto 2019