Protezione contro la discriminazione

Una donna che indossa un velo, una sedia a rotelle e una coppia omosessuale (sotto un grande ombrello)

Non accettare la discriminazione e la violenza razzista – utilizzare i servizi di consulenza.

Berlino è una metropoli caratterizzata dalla multinazionalità dei suoi abitanti. L’apertura al mondo, la tolleranza e il rispetto reciproco sono importanti se vogliamo che la convivenza funzioni bene. Tuttavia, di tanto e in tanto, si verificano casi di discriminazione e di violenza razzista. Se si è vittima di questi fenomeni, è possibile rivolgersi ai servizi di consulenza e aiuto.

Che cos’è la discriminazione?

Discriminazione significa svantaggiare o rifiutare sulla base di determinate caratteristiche, ad esempio:
  • Religione: una giovane donna musulmana non ottiene un apprendistato perché porta il velo.
  • Provenienza etnica: una famiglia che è fuggita a Berlino non ottiene un contratto di locazione perché non parla bene il tedesco.
  • Sesso: una donna guadagna – nella stessa professione – meno del suo collega di sesso maschile.
  • Stato di residenza: una persona non è autorizzata ad aprire un conto perché ha solo un permesso di soggiorno temporaneo.
  • Colore della pelle: un giovane uomo con la pelle scura non viene fatto entrare in discoteca dal buttafuori.
  • Disabilità: una persona seduta su una sedia a rotelle viene invitata a lasciare il ristorante perché la sua vista “disturba gli altri ospiti”.
  • Identità sessuale: due uomini che camminano mano nella mano sono insultati e maltrattati dai passanti.
  • Età: le persone anziane si presume che non siano in grado di lavorare bene come prima e quindi hanno meno possibilità di trovare un lavoro.

§ Cosa dice la legge?

Esiste una legge contro la discriminazione. La legge generale sulla parità di trattamento.

La discriminazione per motivi di razza o origine etnica, sesso, religione, convinzioni personali, disabilità, età o orientamento sessuale è proibita (o: non permessa).

La parità di trattamento è un diritto di ogni persona.

Se una persona è svantaggiata nella vita lavorativa o nell’accesso a beni e servizi a causa di una delle caratteristiche di cui sopra – ad esempio, quando si cerca un alloggio – spetta un indennizzo ai sensi della legge generale sull’uguaglianza. Si consiglia di rivolgersi a un centro di consulenza qualificato o a un avvocato specializzato.

Discriminazione – chi può aiutare?

A Berlino esiste un’ottima rete di centri di consulenza. I centri di consulenza valutano insieme alla persona le misure migliori da intraprendere in caso di discriminazione. Ogni passo viene coordinato insieme e tutte le informazioni sono tenute riservate. Le consulenze sono gratuite.

  • ADNB di TBB – Antidiskriminierungsnetzwerk Berlin (rete antidiscriminazione)
    Oranienstraße 53, 10969 Berlino (stazione U-Bahn Moritzplatz)
    Tel.: (030) 61 30 53 28 e Fax: (030) 61 30 43 10
    e-mail e Internet
  • BDB – Bund für Antidiskriminierungs- und Bildungsarbeit nella BRD
    Sprengel Haus, Sprengelstr. 15, 13353 Berlino
    Tel.: (030) 216 88 84 und Fax: (030) 219 96 896
    e-mail e Internet
  • Consulenza antidiscriminazione per età e disabilità del centro di consulenza LV Selbsthilfe Berlin dell’associazione del Land Selbsthilfe Berlin e.V.
    Littenstr. 108, 10179 Berlino
    Tel.: (030) 27 59 25 27 und Fax: (030) 27 59 25 26
    e-mail e Internet
  • Berliner Netzwerk Lesben, Schwule, Transgender für Gleichbehandlung – gegen Diskriminierung
    Tel.: (030) 233690-80
    e-mail
Il Dipartimento amministrativo del Senato per la salute, l’assistenza e le pari opportunità offre informazioni scritte sulla discriminazione basata sul sesso.:
  • Dipartimento amministrativo del Senato per sanità, assistenza e parità
    (discriminazione a causa del sesso)
    Abt. Frauen- und Gleichstellungspolitik
    Oranienstraße 106, 10969 Berlino
    Tel.: (030) 9028-2116 und Fax: (030) 9028 2066
    Internet

Assistenza alle vittime di violenza razzista

Coloro che hanno subito violenza devono rivolgersi innanzitutto alla polizia. A Berlino ci sono anche centri di consulenza non statali per le vittime di violenza. Qui è possibile ricevere anche aiuto e supporto.
ReachOut è un centro di consulenza per le vittime di violenza di destra, razzista e antisemita a Berlino e sostiene e consiglia anche parenti e amici delle vittime e testimoni di un’aggressione.

ReachOut – Opferberatung und Bildung gegen Rechtsextremismus,
Rassismus und Antisemitismus
Oranienstraße 159, 10969 Berlino
Tel.: (030) 695 68 339 und Fax: (030) 695 68 346
e-mail e Internet

Diese Hinweise wurden von der Berliner Landesstelle für Gleichbehandlung – gegen Diskriminierung (LADS) zusammengestellt. Im Beratungswegweiser und auf der Webseite der LADS finden Sie weitere Informationen, Adressen und Ansprechpersonen.