Luogo della memoria Parlamento degli alberi / Monumento al Muro nell'edificio Marie-Elisabeth-Lüders-Haus

Parlament der Bäume: Die Granitplatten nennen 258 Namen von Maueropfern, die an der innerdeutschen Grenze starben.
Immagine: SenStadtUm

Il “Parlamento degli alberi” è un luogo della memoria per i morti al Muro di Berlino. L’artista Ben Wagin lo ha costruito nel 1990 sull’ex striscia di confine. L’installazione di alberi, lapidi commemorative e oggetti a testimonianza degli impianti di frontiera è stata realizzata da diversi artisti. Su lastre di granito vengono ricordati i nomi di 258 morti del Muro.

I segmenti del muro di sbarramento posteriore che costituiscono il monumento sono solo in parte nella loro collocazione originaria. Per la costruzione dell’edificio Marie-Elisabeth-Lüders-Haus, che ospita la biblioteca del Parlamento tedesco, si è dovuto ridurre il “Parlamento degli alberi”. La nuova installazione nell’edificio del Parlamento consiste in segmenti originali di muro, che Ben Wagin ha corredato con l’indicazioni degli anni e, per ogni anno, con il numero accertato di vittime del Muro. L’assessore berlinese (Senator) per lo sviluppo urbano Ingeborg Junge-Reyer e il presidente del parlamento Wolfgang Thierse hanno inaugurato il luogo del ricordo nel settembre 2005 come “Monumento commemorativo del Muro nell’edificio Marie-Elisabeth-Lüders-Haus”. È accessibile dal lungofiume Schiffbauerdamm: dal venerdì alla domenica 13 – 19. L’entrata è libera. Il lungofiume Schiffbauerdamm va dal ponte Marschallbrücke, su cui si trovava il muro di confine, fino al ponte Kronprinzenbrücke, che venne distrutto nella Seconda Guerra Mondiale e non venne più stato ricostruito. Solo dopo la svolta del 1989/90 ha avuto luogo la ricostruzione del Kronprinzenbrücke, secondo un progetto dell’architetto Santiago Calatrava, che ne ha fatto uno tra i primi ponti tesi tra i territori di Berlino Est ed Ovest. L’illustrazione dell’ex tracciato del confine in quest’area da spesso adito a confusione: infatti il confine politico tra Berlino Est e Berlino Ovest, e quindi la linea decisiva per la vita dei fuggiaschi, passava sulla riva sud della Sprea dalla parte del Reichstag. La dirigenza della RDT aveva fatto invece erigere il muro di sbarramento in superficie sulla riva nord.
Stadtplan Berlin.de