Luogo della memoria "Croci Bianche" / Parlamento tedesco

Weiße Kreuze am Spreeufer
Immagine: Senatskanzlei

Dietro il portale orientale dell’edificio del Reichstag (oggi sede del Parlamento tedesco) passavano gli impianti di confine della RDT. La riva sud della Sprea apparteneva a Berlino Ovest, la distesa d’acqua era già territorio di Berlino Est. Nel punto in cui il muro anteriore incontrava la riva del fiume fino al 1990, l’associazione privata di cittadini berlinesi ha eretto il luogo della memoria “Croci Bianche”, nel 1971, in occasione del decimo anniversario della costruzione del Muro nel 1961.

A causa dei lavori in corso sulla riva Reichstagufer il luogo della memoria era stato spostato provvisoriamente. Dal 17 giugno 2003 si ritrova di nuovo sulla riva della Sprea, come installazione di 7 croci bianche. Vuole ricordare le persone che hanno perso la vita cercando di fuggire dalla RDT verso Berlino Ovest, dopo lo sbarramento del confine.

Sulle croci rivolte verso l’entroterra vengono ricordati per nome con le loro date di morte: Günter Litfin, 24.8.1961; Ingo Krüger, 10.12.1961; Hans Räwel, 1.1.1963; Klaus Schröter, 4.11.1963; Heinz Sokolowski, 25.11.1965; Marinetta Jirkowsky, 22.11.1980”; sulle croci rivolte verso il fiume: Udo Düllick, 5.10.1961; Werner Probst, 14.10.1961; Philipp Held, 11.4.1962; Axel Hannemann, 5.6.1962; Lutz Haberland, 27.5.1962; Wolf-Olaf Muszinski, marzo 1963; Chris Gueffroy, 5.2.1989; inoltre vengono onorate le “vittime sconosciute del Muro”.

Con il passare degli anni la fatica necessaria per la manutenzione delle croci molto distanti tra loro cominciò a oltrepassare le possibilità dell’associazione di cittadini berlinesi. I segni del ricordo vennero concentrati nella piazza alla Sprea.

Stadtplan Berlin.de